Roberto Melli

Roberto Melli, (Ferrara 1885 – Roma 1958) ha frequentato lo studio dello scultore ferrarese Arrigo Minerbi, (1881 1960) dove realizza i primi calchi in gesso.

Dal 1902, è a Genova per lavorare come apprendista intagliatore e xilografo, collaborando con la rivista EBE.

Nel 1911, si trasferisce a Roma dove partecipa alle mostre della Secessione romana. Si dedica prevalentemente alla scultura fino al 1911.

Roberto Melli Vaso con giacinti Scuola Romana
Vaso con giacinti

Nel 1918 è con Mario Broglio tra i fondatori della rivista e del movimento Valori Plastici, dedicandosi esclusivamente alla pittura e firmando nel 1933 con Giuseppe Capogrossi ed Emanuele Cavalli il Manifesto del Primordialismo Plastico.

L'abito a scacchi  Roberto Melli
L’abito a scacchi 1930

Del 1936, è la sua prima mostra personale alla galleria della Cometa  dove viene presentato da Libero de Libero.

Due anni dopo subisce le interdizioni delle leggi raziali.

Dopo la guerra riprende la docenza presso l’accademia di Belle Arti di Roma e l’attività espositiva, con una mostra di dipinti e sculture alla Galleria del Secolo (1947).

Roberto Melli Figura 1946
Figura 1946

Partecipa con una sala personale alla XV e XVII Biennale di Venezia.

Oltre che artista, è un acuto critico capace di cogliere le più significative tendenze a lui contemporanee.

Inoltre si diletto’ anche nella poesia.  Nel 1957 pubblica la raccolta Lunga favolosa notte, che raccoglieva le poesie composte dal 1935.

 

Vuoi vendere un’opera di Roberto Melli?

Contattaci al numero 3356585431 o inviaci delle foto via Whatsapp al 3356585431

DI NOI TI PUOI FIDARE