Maison Jansen

La  Maison Jansen è stata fondata a Parigi nel 1880 dall’olandese Jean-Henry JANSEN. La sede era in rue Royale, in un palazzo costruito dall’architetto Louis Le Tellier con i disegni della facciata di GABRIEL, per il duca François Fréderic de La Rochefoucauld.  Inizialmente vendeva antiquariato ma poi divenne emblema di lusso a livello internazionale.

Nel 1889 partecipa all’Esposizione Universale di Parigi ottenendo una reputazione di fama mondiale.

Henry Jansen è stato il primo ad usare il termine “decoratore”. La sua visione ha rivoluzionato gli interni degli appartamenti. Ha inventando la professione di interior designer. Una transizione imposta dall’avvento dell’industria che ha preso il posto dei maestri ebanisti del Faubourg Saint Antoine e dei fornitori del Mobilier National.

Il termine decorazione globale è stato usato per la prima volta per la Ditta JANSEN.

Henry Jansen crea la scuola CAMONDO, ancora oggi attiva. Ha saputo mescolare teoria e pratica nei suoi laboratori da cui sono emersi i grandi decoratori che ancora oggi ricordiamo. Negli anni ’30 lavorano per l’atelier Jansen di Parigi, Pierre Delbée, Carlos Ortiz Cabrera, Francis Chaillou, Serge Robin, Henri Samuel, Claude Mandron et Arthur Kouwenhoven.                                                                                                        

Nel frattempo la Maison JANSEN stava diffondendo il suo marchio in tutto il mondo. 

 L’elenco  dei clienti internazionali che hanno scelto Maison Jansen è lungo. 

Tra i nomi importanti, i reali inglesi, Guglielmo III d’Olanda, Alfonso XII di Spagna, il Duca e la Duchessa di Windsor, i Rockefeller, Elsie de Wolfe, Coco Chanel, i reali del Belgio e Alfonso XII di Spagna,  la famiglia KENNEDY, tra i vari progetti la celebre Stanza Rossa alla Casa Bianca disegnata da Paul Manno. Il Palazzo CARTHAGE per il Presidente BOURGUIBA, la famiglia ROTHSCHILD,  Aristotele ONASIS, la famiglia DASSAULT e molti altri.