Francesco Ferraresi

Francesco Ferraresi nacque a Roma nel febbraio del 1858, dove visse e mori’ in via Margutta 33 nel 1942.

Nel 1883 realizzò la sua prima opera pubblica, il busto marmoreo del Generale Giacomo Medici visibile in viale Aldo Fabrizi a Roma.

Tra le sue opere:

– la Torre degli Anguillara prima dei restauri (Museo di Roma),

Studio di palme (Roma, Galleria comunale d’arte moderna), opera ancora legata ad una prima fase di studio e apprendimento dell’artista.

– Testa della madre scultura firmata e datata 1890;

– Ritratto della madre olio su tela.

Nel 1890 espose all’Esposizione di belle arti una “figuretta in bronzo” raffigurante un Fauno.

Una scultura Testa di fauno del 1893 in gesso si conserva presso la Galleria comunale d’arte moderna.

– veduta delle Terme di Caracalla (olio su tela) del 1907 conservata al Museo di Roma.

Dal 1919 al 1926, Francesco Ferraresi entra a far parte della Società degli acquarellisti di Roma fondata, verso il 1870, su modello di analoghe associazioni inglesi e olandesi, da un gruppo di dieci pittori sotto l’impulso di E. Roesler Franz e N. Cipriani.

-nel 1911 presso l’Esposizione artistica degli indipendenti, con Parco dei Daini a Villa Borghese e un Ritratto,

-1926 un piccolo Autoritratto ora alla Galleria Comunale d’arte moderna

Nel 1930 prese parte alla II Mostra regionale del Sindacato laziale fascista di belle arti con tre opere: Villa PamphiliFosco tramonto in montagnaTramonto dagosto nella campagna romana.

Nel 1941, prima di morire donò al Comune di Roma un bel numero di opere sue e del fratello Adriano.