fbpx
Quadro XVIII Sec Marco Marcola

Quadro Veneziano XVIII Secolo Marco Marcola

Il quadro raffigura una scena galante carnevalesca.

Una donna vestita da Arlecchino con il classico abito a triangoli multicolore è abbracciata da un uomo mascherato da Balanzone con il tipico abito nero e la maschera che gli nasconde il volto.

I due sono abbracciati, anche se la donna sembra non voler ricambiare questo abbraccio e guarda altrove.

Il quadro é dipinto ad olio su tela ed è stato rintelato. Privo di difetti.

L’opera è accompagnata dalla sua fattura originale di acquisto.

Il dipinto proviene da una collezione privata e fu acquistato ad una prestigiosa vendita di arredi antichi presso la casa d’aste Christie’s di Roma, nell’antica sede di Piazza Navona Palazzo Massimo Lancellotti. Si trattava della vendita 192 Antichi Dipinti del 19 novembre 1990.

Il prezzo di aggiudicazione era di Lire 12.650.000. La famiglia privata presso la quale abbiamo acquisito il quadro, ci ha gentilmente fornito questo prezioso documento.

 


Caratteristiche:

Materiale: tela

Colore: multicolore

Tecnica: Olio su tela

Periodo: 1790

Creatore: Marco Marcola

Provenienza: Collezione privata

Condizioni: Molto buone

Dimensioni (cm):

Altezza: 77,5

Larghezza: 64

Profondita: 2

COD EMI 343 Categorie , Tag , , ,


Condividi
Descrizione

Quadro con scena galante in maschera Venezia XVIII secolo Marco Marcola

Il viaggio iniziatico del Grand Tour fatto da giovani aristocratici inglesi, francesi, tedeschi e russi in Italia per perfezionare la loro cultura classica, suscit un grande entusiasmo che colp tutta l’Europa dell’Illuminismo.
Questa passione per le citt italiane come Roma, Napoli, Firenze e in particolare Venezia, porta ad un crescente gusto per la pittura di
paesaggio e favorisce una produzione importante di quadri per i nobili committenti.
Ci fu anche una grandissima produzione di mobili, oggetti e naturalmente souvenir. Tra questi ci sono modelli in scala in marmo di monumenti famosi come il Colosseo, il Pantheon, Il Foro Romano e la Basilica di San Pietro.
Questa nuova arte di vivere genera la creazione di accessori specifici: cofanetti da viaggio, portagioie con micromosaico, tabacchiere smaltate, vasi stile impero in porcellana, sculture in bronzo neoclassiche.

 Marco Marcola bio

Marco Marcola (Verona, 1740-1793) proviene da  una rinomata famiglia di artisti, si è formato infatti presso l’atelier del padre Giovanni Battista Marcola, insieme al fratello Nicola e alla sorella Angela.

Proprio insieme al padre pittore, nel 1764 è tra i fondatori dell’Accademia Cignaroli.

Con il fratello Nicola invece esegue a Bovolone una Cena di Emmaus per l’oratorio di San Biagio.

Opera tutta sua è invece la decorazione nel 1771 di Palazzo Allegri in una contrada di Verona chiamata San Nazaro.

In questa fase sviluppa pienamente la sua pienamente la sua adesione allo stile di Giovan Battista Tiepolo. Si specializza nel ritrarre la cittá di Venezia con le sue maschere e le sue feste. Un esempio é il nostro prodotto quadro Scena Galante in Maschera di Marco Marcola

Nel 1773 decora la Villa Dionisi a Cá del Lago di Cerea e la Villa Perez Pompei Sagramoso ad Illasi. Sempre in quegli anni lavora alla decorazione di Villa Canossa di Grezzano di Mozzecane e di Villa Marioni Pullé al Chievo.

Verso la fine del 1700 dipinge la Deposizione del museo di Castelvecchio. Decora il Seminario Vescovile di Verona, la Parrocchiale di San Giacomo Maggiore e Palazzo Fè d’Ostiani a Brescia.

Luigi Lanzi lo definisce «…pittore universale, speditissimo nel lavorare, ferace nelle invenzioni…». Tratto da ‘Storia pittorica dell’Italia dal risorgimento delle belle arti fin presso alla fine del secolo XVIII’

On hold

Privacy Preference Center