Lucio Fontana. Il padre dello Spazialismo 

Il manifesto bianco

La prima espressione teorica di concepire lo spazio è presentata da Lucio Fontana nel manifesto Bianco nel 1946 in Argentina ispirato da lui e firmato dai suoi allievi dell’Accademia di Buenos Aires. 

Lo Spazialismo di Lucio Fontana

 Nel 1947 Lucio Fontana arriva a Milano dove importa il gusto dello Spazialismo. Propone agli artisti più sensibili ai cambiamenti,  una via d’uscita da un clima artistico molto spesso provinciale. Una nuova concezione di spazio che si lascia esplorare, creare, percorrere.

Tutto è spazio, tutto è un fare spazio. Non ci sono più luoghi dove lo spazio è relegato e altri no. Lucio Fontana

L’incontro con Carlo Cardazzo

Nel 1951 Fontana entra in contatto con Carlo Cardazzo e inizia una prolifica collaborazione tra MIlano e Venezia.

 La mostra Nuove Tendenze a Venezia

Nel 1953, alla mostra Nuove Tendenze presso la galleria del Cavallino gli spazialisti milanesi e quelli veneziani espongono insieme.

A questa mostra è presente anche Edmondo Bacci che aderisce allo Spazialismo veneziano.

Nel 1958 Lucio Fontana presenta l’ultimo Manifesto Spazialista e partecipa alla Biennale di Venezia.

La differenza tra lo Spazialismo milanese e Spazialismo veneziano 

Questa nuova dimensione interessa tantissimo gli artisti del momento e ognuno risponderà in maniera diversa a seconda della propria cultura.

Lo Spazialismo milanese 

Gli artisti milanesi rispondono al gestualismo fontaniano, all’energia di voler rompere sulla tela un qualcosa. Il foro sulla tela che crea un fatto, non una gestualità.

Gli spazialisti milanesi

Tra loro: Lucio Fontana, Gianni Dova, Roberto Crippa, Tancredi,

Lo Spazialismo veneziano 

Lo Spazialismo veneziano nasce con la Biennale del 1948 dove Lucio Fontana espone 5 opere di cui una spazialista.

Il gruppo degli Spaziali veneziani rimane profondamente legato alla tradizione della grande pittura veneta. La pittura è nel DNA degli artisti veneti.

Edmondo Bacci racconta delle sue visite alle chiese della laguna per ammirare i soffitti affrescati del Tiepolo. Gli artisti veneziani rispondono alle sollecitazioni dello Spazialismo con la pittura.

Gli spazialisti veneziani

  Anton Giulio Ambrosini, Mario Deluigi (Treviso 1901 – Dolo,1978), Virgilio Guidi, Berto Morucchio e Vinicio Vianello, che dopo aver rappresentato le luci e i crepuscoli sulla laguna, si era tuffato in tracciati siderali che sembravano inseguire le misteriose energie del cosmo; cui si assoceranno come firmatari nei due manifesti successivi anche Bruno De Toffoli, Tancredi, Edmondo Bacci ( Venezia, 1913-1978) e Gino Morandis (Venezia 1915-1994). Bruna Gasparini (Mantova 1913- Venezia 1998), Saverio Rampin ( Paluello di Strà (VE), 1930 – Lido di Venezia, 1992)

Edmondo Bacci su Egidi MadeinItaly
Edmondo Bacci

Hai opere di artisti spazialisti e vuoi venderle?

Chiamaci al numero 3356585431 o inviaci un WhatsApp al 3356585431

DI NOI TI PUOI FIDARE

Massime valutazioni, competenza, serietà

Visita il nostro sito di acquisto antichità.