Tito Corbella

Tito Corbella nasce a Pontremoli (Massa Carrara) nel 1885.

Dopo la laurea in chimica all’Università di Padova frequenta l’Accademia di Belle Arti di Venezia, dove è allievo di Guglielmo Ciardi e di Ettore Tito.

Corbella fu un artista eclettico. Inizia subito a dipingere e si afferma nella realizzazione di nature morte e ritratti.

Contemporaneamente, si occupa di illustrazione.

Sono famose le sue cartoline raffiguranti figure femminili  e coppie di innamorati per la casa editrice milanese Degami, acronimo dei due fondatori Dell’Anna e Gasparini Milano specializzata in pregiate cartoline.

Sempre a Milano lavora per le Officine Ricordi dove si producevano le affiches pubblicitarie per spettacoli musicali, teatrali e i cartelloni pubblicitari.

Curiosità: Corbella in questo periodo, realizza e firma il manifesto pubblicitario della Società di torrefazione Remo Camilloni a Roma.  Il famoso caffè Sant’Eustachio!

Grazie al suo talento fu scelto dalla Casear Film di Roma come illustratore per il film Assunta Spina (1915) e per Tosca (1918) interpretati entrambi dalla bellissima Francesca Bertini. Tito Corbella realizzerà dei manifesti a figura intera che metteranno in  valore la bellezza l’eleganza della protagonista e dei suoi abiti.

Nel 1914 lavora anche  per l’importante Stabilimento di grafica di Enrico Guazzoni artista e regista romano sempre come illustratore di cartellonistica per il cinema.

Tra i vari lavori nel 1925 realizzò la brochure del film in bianco e nero Marcia Nuziale di Carmine Gallone.

Piccola curiosità: la protagonista Lyda Borrelli, figlia d’arte,  diventerà di lì a poco la moglie dell’industriale Vittorio Cini.

Dal 1951 fa parte del gruppo di cartellonisti cinematografici che ogni anno consegnava il Premio Spiga dedicato all’illustrazione pubblicitaria ed intitolato a Duilio Cambellotti.

Muore a Roma nel 1966.